Loading...

13 dicembre 2007

Riunione alla Provincia per la vertenza Unilever di Cagliari

Unilever: Cassa integrazione, spiraglio per lavoratori


E’ sulla cassa integrazione per chiusura che andrà avanti la trattativa tra Provincia, Regione, Unilever, Confindustria e sindacati per scongiurare la mobilità dei 200 lavoratori dello stabilimento di viale Marconi. Gli operatori guadagnerebbero un anno di tempo, ma l'azienda chiude definitivamente. Regione, Provincia, Unilever, Confindustria e sindacati si ritroveranno ancora per discutere dell'argomento in un incontro convocato dalla Regione.


CAGLIARI - Nell’incontro, convocato dall’assessore provinciale al Lavoro Carla Floris e al quale ha preso parte anche l’assessore provinciale alle Attività produttive Piero Comandini, dopo 2 ore di impasse per le posizioni troppo distanti di istituzioni e sindacati da una parte, che chiedevano il ritiro delle procedure di mobilità e la cassa integrazione di un anno per cercare nel frattempo una soluzione e Unilever e Confindustria dall’altra, assolutamente contrari all’ipotesi di sospensione della mobilità, si è aperto uno spiraglio sull’ipotesi di cassa integrazione per chiusura. Eventualità, quest’ultima, che permette di chiudere le procedure di mobilità e apre la strada per la cigs (cassa integrazione guadagni straordinaria) per un altro anno, alla fine della quale, e solo allora, i lavoratori saranno licenziati.

"Un anno che servirà – ha spiegato la Floris - a individuare un acquirente per l’Unilever. E’ doveroso che l’azienda si impegni insieme alle istituzioni per garantire un futuro allo stabilimento". "Se riusciremo a trovare l’accordo su un’ipotesi che preveda la sola cassa integrazione e blocchi la procedura di mobilità – ha detto la Congera – anche la Regione si impegnerà nella ricerca di un acquirente che dia garanzie ai lavoratori".

All’incontro ha preso parte anche Sergio Retini, segretario nazionale della FAI CISL, a testimonianza della valenza nazionale della vertenza. «L’Unilever per Cagliari – ha detto - è come la Fiat per Torino".
Regione, Provincia, Unilever, Confindustria e sindacati si ritroveranno martedì prossimo, nell’incontro convocato dalla Regione.

Nessun commento: