Loading...

19 dicembre 2007

Unilever lascia Cagliari: cassa integrazione, mobilità e trasferimenti





E’ stato raggiunto l’accordo sulla vertenza Unilever. La firma - che purtroppo sancisce il disimpegno della multinazionale dall’Isola - è giunta nelle prime ore del mattino nella sede dell’assessorato del Lavoro, al termine di una lunga trattativa: i 75 lavoratori dello stabilimento di Cagliari saranno posti in cassa integrazione guadagni straordinaria per tutto il 2008, andranno immediatamente in mobilità solo i dipendenti già in possesso dei requisiti per la pensione.


"Sarà verificata – si può leggere nel verbale – “l’applicabilità di eventuali norme nazionali o regionali che consentano di estendere gli strumenti di sostegno al reddito anche in favore dei 25 lavoratori con contratto a termine triennale con scadenza 31.12.2007”.

L’intesa (in due verbali distinti per cigs e mobilità) è stata sottoscritta dall’assessore regionale del Lavoro, Romina Congera, dall’assessore delle Attività produttive della provincia di Cagliari, Piero Comandini, dai rappresentanti del gruppo Unilever, delle organizzazioni sindacali Flai Cgil, Fai Cisl e Uila Uil, delle Rsu e dell’Unione industriali di Cagliari.Con l’accordo l’azienda si è inoltre impegnata a garantire il trasferimento di 20 dipendenti di Cagliari nello stabilimento Unilever di Caivano, in Campania, e a realizzare “azioni di sostegno per la ricollocazione dei lavoratori (…) attraverso un progetto di outplacement della durata di 12 mesi”.

“Il risultato positivo nell’esito di questa vertenza – spiega l’assessore Congera – è che si è riusciti ad ottenere la cassa integrazione in luogo della messa immediata in mobilità. Il risultato migliore quando si ha a che fare con multinazionali che fanno scelte unilaterali di smobilitazione e di smantellamento. Il dispiacere è forte per i lavoratori che, dopo anni, si ritrovano di nuovo a casa senza un’occupazione che, invece, pareva sicura”.“Sulla vertenza Unilever, l’accordo sottoscritto da tutte le parti è sicuramente da accogliere con soddisfazione e apprezzamento – ha detto il Presidente della Provincia di Cagliari, Graziano Milia - l’accordo, che assicurerà a tutti i lavoratori la cassa integrazione per 12 mesi, è tanto più importante e utile proprio perché assicura in prospettiva ai lavoratori e alle istituzioni un più agevole e praticabile percorso per l'identificazione di un nuovo soggetto imprenditoriale a cui affidare la ripresa delle attività nello stabilimento cagliaritano”. “Ora – ha concluso Milia – occorre vigilare e lavorare perché questo accordo venga pienamente rispettato dall’Unilever, anche per evitare che parti importanti dello stabilimento di Cagliari vengano smantellate e destinate altrove, cosa che impedirebbe di fatto il riavvio più veloce delle attività produttive sotto altre e più motivate insegne”.